Pubblicato il Regolamento attuativo della Banca della Terra d’Abruzzo

Pubblicato il Regolamento attuativo della Banca della Terra d’Abruzzo

E’ stato pubblicato sul BURA n. 30 del 26 luglio 2017 l’atteso Regolamento d’attuazione della Legge regionale 8 ottobre 2015, n. 26 “Istituzione della Banca della Terra d’Abruzzo.

La norma, che ha l’obiettivo di assegnare terreni incolti o abbandonati a chi ne faccia richiesta, consentirà di promuovere l’insediamento di nuove aziende agricole, ma anche di favorire il riordino fondiario attraverso l’accorpamento e l’ampliamento delle aziende agricole esistenti.

I terreni verranno censiti dai Comuni o dalle loro unioni con il supporto dei Centri di assistenza agricola e i beni da censire potranno essere segnalati dagli stessi proprietari.

Il Regolamento prevede che i Comuni trasmettano alla Regione Abruzzo l’elenco delle particelle catastali disponibili e il Dipartimento politiche dello sviluppo rurale predisponga gli avvisi contenenti le modalità di richiesta dei terreni censiti e i criteri per l’assegnazione. I richiedenti dei terreni dovranno, quindi, presentare un idoneo piano di coltivazione che dovrà essere valutato ed approvato dal Dipartimento e che dovrà invitare i contraenti a predisporre l’atto di trasferimento dei beni:

Nell’atto saranno le modalità, quali la forma contrattuale di affidamento, il canone e la durata che non può essere in ogni caso superiore ai 15 anni. Nelle assegnazioni avranno priorità i lavoratori svantaggiati, compresi i disoccupati.

La legge istitutiva della Banca della Terra d’Abruzzo offre alla nostra regione  uno strumento che crea una concreta opportunità in termini di occupazione e di reddito per giovani e disoccupati oltre alla valorizzazione e il recupero di terreni abbandonati o incolti.