RCA: contrassegno addio, ma resta l’obbligo del certificato

6654110_origDal 18 ottobre non è più obbligatorio esporre sul parabrezza dei veicoli il contrassegno di assicurazione RC auto. Però resta in vigore l’obbligo di tenere a bordo il contratto di assicurazione…

È la cosiddetta “dematerializzazione” del contrassegno assicurativo.

A rendere possibile questo processo di dematerializzazione, la costituzione presso il Centro eleborazione dati (CED) della Direzione generale per la Motorizzazione al Ministero dei trasporti, di una banca dati contenente le informazioni relative alla copertura assicurativa dei veicoli, aggiornata in tempo reale dalle compagnie di assicurazione per il tramite di ANIA, l’Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici.
Grazie a questa banca dati, gli organi di controllo potranno accertare la violazione degli obblighi RC auto attraverso i dispositivi elettronici per il controllo del traffico e il rilevamento a distanza delle violazioni al Codice della strada (autovelox, tutor, telepass, telecamere ZTL).

Sul Portale dell’Automobilista è anche disponibile, per i soli organi di polizia, un’applicazione che fornisce le informazioni di dettaglio delle coperture assicurative, comprese quelle relative agli intestatari dei veicoli, al fine di consentire l’adozione degli eventuali provvedimenti sanzionatori.
Inoltre, è nata un’App gratuita per smartphone, “iPatente”, realizzata dal Dipartimento Trasporti del Ministero, che consente a tutti i cittadini di accedere ai servizi del Portale dell’Automobilista. Ad esempio, inserendo il numero di targa, si può verificare la regolarità dell’assicurazione di un qualunque autoveicolo, motoveicolo o ciclomotore immatricolato in Italia.
In tal modo, sia le forze di polizia che i cittadini potranno disporre di informazioni costantemente aggiornate della situazione relativa alla copertura assicurativa dei veicoli.

La riforma della dematerializzazione, che rende superflua la presenza a bordo veicolo del contrassegno cartaceo, mira a contrastare il fenomeno molto diffuso della contraffazione dei tagliandi assicurativi: è molto più difficile sfuggire ai controlli se questi vengono svolti a livello elettronico o telematico.

Tuttavia, resta in vigore l’obbligo di portare a bordo veicolo il certificato di assicurazione, pena l’applicazione delle sanzioni amministrative previste dall’art. 180 del Codice della strada. Il certificato è fondamentale non solo per i controlli su strada, ma anche in caso di sinistro: i conducenti coinvolti  devono scambiarsi le informazioni in esso contenute per la compilazione del CID.




Warning: array_column() expects parameter 1 to be array, string given in /web/htdocs/www.confartigianatoteramo.it/home/os/wp-content/themes/consulting/inc/extras.php on line 280

Warning: array_search() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.confartigianatoteramo.it/home/os/wp-content/themes/consulting/inc/extras.php on line 280

Warning: array_column() expects parameter 1 to be array, string given in /web/htdocs/www.confartigianatoteramo.it/home/os/wp-content/themes/consulting/inc/extras.php on line 280

Warning: array_search() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.confartigianatoteramo.it/home/os/wp-content/themes/consulting/inc/extras.php on line 280